Appello ADI «Salviamo la ricerca per salvare il pianeta»

appello-ambiente-adi

Lunedì 30 settembre Il Sole 24 Ore - Scuola24 ha ospitato l'appello dell'ADI alle forze politiche affinché affronti il problema dei cambiamenti climatici e, considerando che i due mondi sono inevitabilmente legati a doppio filo tra loro, affronti con decisione anche il problema della sostenibilità del sistema universitario e della ricerca in Italia con importanti riforme e coraggiosi investimenti.

 

Molto più che promesse: vogliamo un'Università per il futuro del Paese

Assemblea Nazionale Università | Proponiamo di confrontarci in un’Assemblea Nazionale dell’Università sabato 12 ottobre dalle ore 10,30 alle ore 14 alla Sapienza di Roma per rappresentare al Governo queste condizioni e costruire insieme un campo di proposte e mobilitazioni. Occorrono misure concrete per l’Università, per costruire il futuro del Paese. 

Salviamo la ricerca per salvare il pianeta!

sciopero-27-settembre

La crisi climatica rappresenta una delle più grandi sfide che l’umanità dovrà affrontare nel giro dei prossimi dieci anni. Non è solo retorica, è ciò che ci dice la scienza ormai da anni. E' anche per questo I luoghi del sapere - le università, i centri di ricerca – devono porsi in modo ancora più forte e profondo la questione di come le conoscenze da loro prodotte abbiano un impatto sulla società. Durante la giornata del terzo sciopero globale per il clima di Fridays for Future, saremo nelle piazze e saremo presenti con eventi ed iniziative durante la Notte dei Ricercatori.

ADI Bologna per la mobilità sostenibile: agevolazioni ai dottorandi di UniBo

dottorato-unibo

C'è un'importante novità all'Università di Bologna: il Senato Accademico, anche grazie alle istanze presentate da ADI Bologna, ha deciso di estendere le agevolazioni per il trasporto pubblico - prima previste ai soli dipendenti - anche ai dottorandi e alle dottorande dell'ateneo. La prossima battaglia sarà spingere per estendere le agevolazioni anche nei campus distaccati di UniBo come Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini.

Pagine